Mt 13,16-17 Perché le parabole? - 3 - Incontrare Dio

I Cercatori di Dio
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

I Cercatori di Dio
Lettura Cristiana
Informazioni
I Cercatori di Dio

I Cercatori di Dio


Lettura Cristiana
Traduzione - Traslation - Tradução
Traduzione - Traslation - Tradução - Traduction
Title
Vai ai contenuti
Menù
Blog
Come funziona
Informazioni
Registrazione
Informazioni
Lettura Cristiana
Lettura Cristiana
Informazioni
Menù
Registrazione

App
Menù
Lettura Cristiana
Informazioni
Registrazione

Importa
Down
Perché le parabole? 3ª parte
Beati invece i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano. Mt 13,16
Il Signore parla ai suoi della beatitudine del vedere e ascoltare, benché sappia quanto siano imperfetti.
La sua beatitudine si distacca fortemente da quella che gli uomini hanno ritenuto sino a quel momento, essa non è legata ad alcun luogo e ad alcun tempo, non ha una misura limitata: è la beatitudine di Dio stesso.
Il credente è innalzato nella posizione di coloro che partecipano della beatitudine di Dio. Il credente, è e sarà beato, nonostante l’asprezza e le difficoltà del suo cammino, perché il dono è per sempre; egli deve solo stendere la mano per vedere e ascoltare la voce del Signore, perché la beatitudine è donata proprio a lui e, attraverso di lui, anche gli altri ne possono godere.
I profeti e i giusti hanno desiderato questo vedere e ascoltare, ma non hanno trovato nella legge antica alcuna gratificazione, anche se percepivano che qualcosa di più grande stava per accadere. Sono rimasti profeti e giusti perché vivevano nella verità di Dio.
Gli si avvicinarono allora i discepoli e gli dissero: «Perché a loro parli con parabole?». Egli rispose loro: «Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. Infatti a colui che ha, verrà dato e sarà nell’abbondanza; ma a colui che non ha, sarà tolto anche quello che ha.
Per questo  a  loro  parlo  con parabole:  perché  guardando  non vedono,  udendo  non ascoltano  e non  comprendono.
Così  si  compie  per  loro  la profezia  di  Isaia  che dice:
Udrete, sì, ma non comprenderete,
guarderete, sì, ma non vedrete.
Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile, sono diventati duri di orecchi e hanno chiuso gli occhi, perché non vedano con gli occhi, non ascoltino con gli orecchi
e non comprendano con il cuore e non si convertano e io li guarisca!
Beati invece i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano.
In verità io vi dico: molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono!
Mt 13,10-17
In verità io vi dico: molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono!  Mt 13,17
Per questo loro desiderio, essi compresero di vivere ancora nella promessa anche se già protesi verso il compimento.
Il Signore richiama questa tensione, perché i discepoli vedano il senso del compimento, e riconoscano la strada che dall’Antica Alleanza conduce sino a loro.
Essi sono beati non per loro merito, ma per grazia e questa la possono dedurre dal racconto degli eventi passati. Dio elargisce la propria pienezza a suo piacimento. E se a uno è concesso di vedere più che a un altro, resta un mistero della fede, di cui dobbiamo fidarci.
Tutto quello che il Signore dona, è pensato per la Chiesa; dalla Chiesa deve essere accolto e condiviso affinché nessuno aspiri a qualcosa che non gli compete. Ciò che spetta a ognuno, il Signore glielo dona, passando per la Chiesa, poiché lo Sposo agisce in unità con la Sposa.
INFORMAZIONE
Se non leggi bene la Parola di controllo puoi cambiarla cliccando su Invia , si cambierà ogni volta che cliccherai a vuoto.

Nessun commento


Responsabile don Fabrizio Maniezzo

Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
App
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Rapid Privacy Policy
Torna ai contenuti