9 - Charles Peguy - L'unica storia - Incontrare Dio

I Cercatori di Dio
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

I Cercatori di Dio
Lettura Cristiana
Informazioni
I Cercatori di Dio

I Cercatori di Dio


Lettura Cristiana
Traduzione - Traslation - Tradução
Traduzione - Traslation - Tradução - Traduction
Title
Vai ai contenuti
Menù
Blog
Come funziona
Informazioni
Registrazione
Informazioni
Lettura Cristiana
Lettura Cristiana
Informazioni
Menù
Registrazione

App
Menù
Lettura Cristiana
Informazioni
Registrazione

Importa
Down

L'unica storia

“L'incarnazione: ecco l'unica storia interessante che sia mai accaduta”.

Breve Biografia

Dal socialismo al cattolicesimo
Charles Péguy nasce il 7  gennaio del 1873 a Orléans, in  Francia.  Brillante
Peguy
saggista, drammaturgo, poeta, critico e scrittore francese, è  considerato un punto di riferimento del cristianesimo moderno, quello  più aperto e illuminato che lo ha riscoperto dopo la sua morte,  nonostante il suo atteggiamento critico nei confronti dell'autoritarismo  papale.
Il piccolo Charles nasce e cresce in una famiglia di umili origini,  in piena campagna, abituata a vivere del proprio duro lavoro. Il padre,  Désiré Péguy, è un falegname, ma muore a causa delle ferite riportate  durante il conflitto franco-prussiano, pochi mesi dopo la nascita del  suo primogenito, Charles, appunto. La madre, Cécile Quéré, deve imparare  un mestiere e si mette a fare l'impagliatrice di sedie, così come la  nonna, la quale segue il suo esempio. È con queste due figure materne  che Péguy trascorre gli anni della giovinezza, dandosi da fare in aiuto  della madre e della nonna, tagliando gli steli di paglia per il lavoro,  battendo la segale con il maglio e imparando i rudimenti del lavoro  manuale. Dalla nonna inoltre, analfabeta ma narratrice di storie di  discendenza orale appartenenti alla tradizione contadina, il giovane  Charles impara la lingua francese.
All'età di sette anni viene iscritto a scuola, dove apprende anche  del catechismo grazie agli insegnamenti del suo primo maestro, monsieur  Fautras, definito dal futuro scrittore come un uomo "dolce e grave". Nel 1884 ottiene la licenza elementare.
Theophile Naudy, l'allora direttore dell'istituto magistrale, preme  per far sì che Charles prosegua gli studi. Con una borsa di studio  riesce ad iscriversi al liceo inferiore e nel 1891 sempre grazie ad un  finanziamento municipale, passa al liceo Lakanal di Parigi. Il momento  per il giovane e brillante Péguy è propizio e decide di prendere parte  al concorso per essere ammesso all'università. Bocciato però si arruola  per il servizio di leva, presso il 131° reggimento di fanteria.
Nel 1894, al suo secondo tentativo, Charles Péguy entra all'École  Normale. L'esperienza è fondante per lui: dopo aver ammirato i classici  greci e latini, durante l'esperienza liceale, ed essersi avvicinato allo  studio del cristianesimo, il brillante studioso si infatua  letteralmente delle idee socialiste e rivoluzionarie di Proudhon e  Leroux. Ma non solo. In questo periodo egli incontra e frequenta il  socialista Herr, il filosofo Bergson,  ma soprattutto comincia a convincersi di essere ormai culturalmente  pronto per mettersi a scrivere, per lavorare a qualcosa di suo, di  importante.
Ottiene prima la licenza in lettere e poi, nell'agosto del 1895, il  baccalaureato in scienze. Tuttavia, passati circa due anni, abbandona  l'università e rientra ad Orléans, dove comincia a scrivere un dramma su  Giovanna d'Arco, il quale lo impegna per circa tre anni.
Il 15 luglio del 1896 muore Marcel Baudouin, suo amico fraterno.  Charles Péguy decide di aiutare la sua famiglia e si innamora di  Charlotte, la sorella dell'amico, che sposa nell'ottobre del 1897.  L'anno dopo arriva già il primo figlio, Marcel, cui seguono Charlotte  nel 1901, Pierre nel 1903, e Charles-Pierre, l'ultimo ad arrivare, il  quale nasce poco dopo la morte dello scrittore, nel 1915.
Nel 1897 Péguy riesce a pubblicare "Giovanna D'Arco",  ma viene completamente ignorato da pubblico e critica. Il testo vende  appena una copia. Tuttavia in esso è condensato tutto il pensiero del  Péguy di quegli anni, impegnato e impregnato di socialismo, concepito  però in vista di un desiderio e di una volontà tutta rivolta verso una  salvezza radicale, in cui ci sia posto per tutti. La stessa Giovanna D'Arco  che descrive nella sua opera è paradigmatica: in lei, il bisogno di una  salvezza assoluta che il giovane autore cerca e pretende dalla propria  fede politica.
In questo periodo, va aggiunto, mentre insegna e si dà da fare  politicamente, Charles Péguy prende anche una posizione attiva nel  famoso "caso Dreyfus",  difendendo l'ufficiale ebreo dello stato francese, il quale viene  accusato ingiustamente di spionaggio per favorire i tedeschi.
Il fervore socialista di Péguy si spegne. Il giorno 1° maggio del  1898, a Parigi, fonda la "Libreria Bellais" nei dintorni della Sorbona e  nella cui esperienza investe forze fisiche ed economiche, compresa la  dote della moglie. Il progetto però, fallisce in poco tempo.
Fonda allora la rivista "Cahiers de la Quinzaine", volta a ricercare e  mettere in luce nuovi talenti letterari, pubblicando le loro opere. È  l'inizio della sua strada editoriale, la quale si incrocia anche con  altri esponenti di spicco della cultura letteraria e artistica francese  di quegli anni, come Romain Rolland,  Julien Benda e André Suarès. La rivista dura tredici anni ed esce ogni  quindici giorni, per un totale di 229 numeri e con uscita d'esordio  datata 5 gennaio 1900.
Nel 1907 Charles Péguy si converte al cattolicesimo. E così ritorna al dramma su Giovanna d'Arco,  cominciando una febbrile riscrittura, la quale dà vita ad un vero e  proprio "mistero", come viene scritto nei "Cahiers" del 1909, e questo  nonostante il silenzio del pubblico il quale, dopo un breve e iniziale  interesse, sembra non gradire più di tanto l'opera dell'autore.
Péguy però va avanti. Scrive altri due "misteri": "Il Portico del  mistero della seconda virtù", datato 22 ottobre 1911, e "Il mistero dei  Santi Innocenti", del 24 marzo 1912. I libri non si vendono, gli  abbonati della rivista calano e il fondatore dei "Cahiers", si trova in  difficoltà. Inviso ai socialisti per la sua conversione, non fa breccia  nemmeno nel cuore dei cattolici, i quali gli rimproverano alcune scelte  di vita sospette, come quella di non aver battezzato i figli, per venire  incontro ai voleri della moglie.
Nel 1912 il figlio minore Pierre si ammala gravemente. Il padre fa il  voto di andare in pellegrinaggio a Chartres, in caso di guarigione.  Questa arriva e Péguy compie un cammino di 144 chilometri in tre giorni,  fino alla cattedrale di Chartres, in piena estate. È la sua più grande  dimostrazione di fede.
Nel dicembre del 1913, ormai scrittore cattolico, scrive un poema  enorme, che sconcerta pubblico e critica. Si intitola "Eve", ed è  composto da 7.644 versi. Quasi contemporaneamente uno dei suoi saggi più  polemici e brillanti vede la luce: "Il denaro".
Nel 1914 scoppia la Prima Guerra Mondiale.  L'autore si arruola volontario e il 5 settembre 1914, il primo giorno  della famosa e sanguinosa battaglia della Marna, Charles Péguy muore,  colpito proprio al fronte.
INFORMAZIONE
Se non leggi bene la Parola di controllo puoi cambiarla cliccando su Invia , si cambierà ogni volta che cliccherai a vuoto.

Nessun commento


Responsabile don Fabrizio Maniezzo

Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
App
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Rapid Privacy Policy
Torna ai contenuti