La morte come destino - Incontrare Dio

I Cercatori di Dio
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

I Cercatori di Dio
Lettura Cristiana
Informazioni
I Cercatori di Dio

I Cercatori di Dio


Lettura Cristiana
Traduzione - Traslation - Tradução
Traduzione - Traslation - Tradução - Traduction
Title
Vai ai contenuti
Menù
Blog
Come funziona
Informazioni
Registrazione
Informazioni
Lettura Cristiana
Lettura Cristiana
Informazioni
Menù
Registrazione

App
Menù
Lettura Cristiana
Informazioni
Registrazione

Importa
Down
Video
Il mistero della morte
La morte come destino
Cammino
L’uomo, nel paradiso terrestre, viveva una relazione intensa con Dio, si rallegrava della sua grazia, godeva e regnava sulla creazione a lui soggetta, senza affanni per l’avvenire.
Quando il peccato entrò nell’uomo, ci fu uno stravolgimento in tutta la creazione.
La presenza di Dio si velò e l’uomo si trovò solo con il suo errore. Da quel peccato originario ne seguirono altri, perciò l’uomo dovette trovarsi un posto diverso da quello al quale era
stato originariamente destinato, e poiché egli, nel suo essere è immagine e somiglianza di Dio, bramò di diventare pari a Lui, creandosi un mondo a sua misura.
Destino
Così, le pelli con cui aveva rivestito la propria nudità paradisiaca, s’ispessirono sempre più ed egli, marchiato dai suoi peccati, cercò di nascondersi lontano dagli occhi di Dio, ripiegato su se stesso in una solitudine sempre più grande, al punto che Dio, nella ‘pienezza dei tempi’, decise di inviare suo Figlio nel mondo come uomo-Dio, per rendersi più accessibile all’uomo, e naturalmente per offrirgli la salvezza, in definitiva il superamento del peccato, non solo originale ma anche quello attuale.
Ma l’uomo, dopo il peccato, stenta a riconoscere che Dio possa avere altri progetti su di lui, perciò s’ingegna a conformare i suoi pensieri al piccolo mondo che si è creato, prova a respingere i limiti dei suoi giorni e ad ampliare il circolo d’azione del suo potere, nella vana ricerca di soddisfare il suo desiderio di grandezza. I suoi talenti, ormai, sono molto ridimensionati e lui, per non incappare in Dio precipita in una finzione, senza futuro, nella convinzione di essere padrone di se stesso, senza accorgersi che così facendo, dilata solo lo spazio della sua angoscia.
Così, l’uomo, non accettando che sia Dio a donargli la vita, prova angoscia al momento di rendergliela quando muore; egli sperimenta sempre la morte come la fine precoce, inopportuna e improvvisa della sua esistenza. La morte è il suo limite estremo che, a volte, è capace di dilazionare, mai, però, di respingere e superare e, anche se vede morire le persone più care, non accetta che essa sia un passaggio verso Dio e che Lui abbia l’ultima parola.
L’uomo, lontano da Dio, cerca sempre delle scappatoie nell’illusione che diano un po’ di pace ai suoi giorni e tolgano l’orrore della morte.
Un appiglio sono gli stessi morti. Egli, illudendo se stesso, trasferisce in un aldilà immaginario, le esperienze e le leggi della sua esistenza, trasmettendo a loro ciò che lui non ha potere di fare. Perciò, il culto dei morti, non è altro che la dimostrazione della sua paura e di quanto sia profondo l’oblio di Dio. Un altro appiglio, è l’adesione a una filosofia di vita che lo soddisfi e lo faccia godere quanto più possibile, nella finzione di allontanare il momento della morte (sempre in agguato).
Questo gioco a nascondino, riesce bene nel fiore dell’età, ma nella vecchiaia occorre trasformarlo in saggezza, per non farsi sorprendere del tutto dalla morte che, spesso, è sperimentata nello stesso modo di come uno ha vissuto. Se la morte sopraggiunge in un tessuto di menzogne, lontano dalla Verità che è Dio, anche quell’estremo momento figurerà come una menzogna, nonostante gli avvertimenti che la Provvidenza di Dio gli manda. Infatti, l’uomo, è capace di interpretare la malattia o gli incidenti come ‘segnali’ per gli altri, ma non per se stesso e così, senza preoccuparsi del dopo, se ne va incontro alla sua ora.
Ma la menzogna non può durare per sempre!
Proprio ‘in quel momento’, l’uomo si rende conto che non gli sarebbe costato molto abbracciare la fede in Dio, e ora per Grazia, ha l’ultima occasione per decidere se stare dalla parte di Dio e chiedere perdono, o stare con se stesso in una ‘superbia della vita’ e affondare nell’angoscia!
INFORMAZIONE
Se non leggi bene la Parola di controllo puoi cambiarla cliccando su Invia , si cambierà ogni volta che cliccherai a vuoto.

Nessun commento


Responsabile don Fabrizio Maniezzo

Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
App
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Rapid Privacy Policy
Torna ai contenuti