2 - La "dimostrabiità" di Dio - Incontrare Dio

I Cercatori di Dio
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

I Cercatori di Dio
Lettura Cristiana
Informazioni
I Cercatori di Dio

I Cercatori di Dio


Lettura Cristiana
Traduzione - Traslation - Tradução
Traduzione - Traslation - Tradução - Traduction
Title
Vai ai contenuti
Menù
Blog
Come funziona
Informazioni
Registrazione
Informazioni
Lettura Cristiana
Lettura Cristiana
Informazioni
Menù
Registrazione

App
Menù
Lettura Cristiana
Informazioni
Registrazione

Importa
Down
Video
La "dimostrabilità" di Dio
La dimostrabilità di Dio non è sufficiente per raggiungere Dio in persona, perché Dio supera la sua dimostrabilità.
Non vi è alcun limite per la dimostrazione, ma il limite è situato in un salto, nello slancio della carità di Dio verso la creazione, che fa saltare l’intelligenza per lasciare il posto alla fede nella carità.
Dio non si raggiunge con l’intelligenza, ma solo con la carità, e il limite è oltre l’infinito (se fosse possibile parlare così), l’«oltre» per noi è irraggiungibile: non sappiamo neppure che cosa è.
Vi è un altro passaggio, interiore, tra l’intelligenza naturale e la fede soprannaturale e questa unione consiste nella missione del Figlio. In lui abbiamo la prova della carità di Dio per noi, e solo così la nostra povera intelligenza si apre alla carità che la completa.
Qualche cosa di Dio si comprende nella carità, e questa ci è insegnata da Gesù Cristo. Occorre perdere se stessi nell’amore di Dio, solo così si viene aperti alla grazia di Dio.
È la grazia del Figlio, attraverso la quale, camminando su di essa, diviene accessibile e comprensibile la vita eterna. Proprio l’aldilà di Cristo ci rende comprensibile anche il senso della vita terrena; senza la fede in Dio e la carità verso il Figlio, la vita terrena ci rimane priva di significato. La conquista e la comprensione di questa conoscenza assorbe tutta la nostra intelligenza e, proprio per questo, la vita eterna ci resta preclusa e incomprensibile.
La vita umana senza Dio si solleva un po’ dalla solitudine, si apre al mondo e di nuovo ricade nella morte terrena, viene dalla terra e ritorna ad immergersi in essa, e appare senza senso. La vita in Dio sale come quella terrena, ma dove la vetta è raggiungibile si apre all’«infinito» e non ricade sulla terra. Il credente non perde se stesso, ma avrà la vita eterna in cui vedrà Dio.
INFORMAZIONE
Se non leggi bene la Parola di controllo puoi cambiarla cliccando su Invia , si cambierà ogni volta che cliccherai a vuoto.

Nessun commento


Responsabile don Fabrizio Maniezzo

Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
App
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Rapid Privacy Policy
Torna ai contenuti