18 - Dom Helder Camara - Io conosco i poveri? - Incontrare Dio

I Cercatori di Dio
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

I Cercatori di Dio
Lettura Cristiana
Informazioni
I Cercatori di Dio

I Cercatori di Dio


Lettura Cristiana
Traduzione - Traslation - Tradução
Traduzione - Traslation - Tradução - Traduction
Title
Vai ai contenuti
Menù
Blog
Come funziona
Informazioni
Registrazione
Informazioni
Lettura Cristiana
Lettura Cristiana
Informazioni
Menù
Registrazione

App
Menù
Lettura Cristiana
Informazioni
Registrazione

Importa
Down

Io conosco i poveri?

Traduzione:
"Felice colui che comprende che ha bisogno di cambiare molto per essere sempre lo stesso".
Bachelet
Camara
Traduzione:
"Il segreto per restare sempre giovane - ugualmente quando passano gli anni, lasciando delle rughe sul corpo - è possedere una causa cui dedicare la vita".
BREVE BIOGRAFIA
Ha attraversato tutto il secolo XX, divenendone uno dei più importanti protagonisti e testimoni.
Dom Helder Camara, simbolo di tante battaglie, ma soprattutto paladino di  un ideale supremo e irrinunciabile, quello della giustizia, fratello  dei poveri contro ignoranza e miseria. Dom Hélder è stato prima di  tutto, un cristiano: in ogni fratello e sorella che incontrava vedeva la  presenza divina. Manifestava questa sua persuasione principalmente nel  rapporto con i più poveri ed emarginati. Accoglieva l’altro come un  fratello, vedendo in lui il volto di Gesù.
Un vescovo scomodo, ma soprattutto un uomo dal cuore grande e coraggioso.
La sua figura esile e persino gracile, un po' tremante ed accartocciata  dal tempo, contrasta a prima vista con la grandezza del suo pensiero e  della sua opera, con il mito che negli anni ne ha fatto il simbolo di  tante battaglie per la giustizia, la pace, il riscatto dei più poveri.  Alla vigilia dei novant'anni, mons Helder Camara, vescovo emerito di  Recife, conserva ancora una luce speciale degli occhi, una semplicità e  un'immediatezza che trasmettono istintivamente serenità ed entusiasmo.  Soprattutto quando si rivolge ai giovani, affidando loro un futuro  ancora tutto da costruire. "Il domani è nelle vostre mani", ci dice con  l'impeto e le severità di chi ti affida una missione, le braccia  allargate di chi ha ancora voglia di abbracciare il mondo intero.È stata  e resta una figura carismatica, quella di dom Helder.
Helder Pessoa Camara nasce a Fortaleza il 7 febbraio del 1909. Il suo  nome significa "cielo sereno", un nome profetico per questo apostolo  delle favelas, paladino dei poveri e dei diseredati che, appena ordinato  sacerdote, nel 1931, manifesta immediatamente la sua vocazione per i  più umili tra gli umili. Si distingue ben presto come uno degli  esponenti più significativi della chiesa latino-americana impegnata nel  sociale. Nel '52 viene consacrato vescovo e tre anni più tardi  arcivescovo ausiliare di Rio de Janeiro.
Negli anni Sessanta e Settanta  la sua attività si fa frenetica: inizia una serie di battaglie e di  campagne per la giustizia e per il riscatto dei poveri contro lo  sfruttamento economico e l'oppressione politica e militare. Si scaglia  con veemenza contro le macro-imprese multinazionali che monopolizzano  l'economia mondiale, relegando milioni di persone in condizioni di vita  miserabili.
"Quale valida speranza ci può essere di riuscire ad avere un mondo più  giusto e più umano? – scrive nel '73 –. È chiaro che la cosa più  ragionevole non sarà la distruzione del progresso, ma il cambiamento,  anche nei paesi ricchi, di strutture anti-umane, in modo che il  progresso tecnologico, che è una gloria umana, sia posto a servizio  dell'uomo integrale e di tutti gli uomini".
INFORMAZIONE
Se non leggi bene la Parola di controllo puoi cambiarla cliccando su Invia , si cambierà ogni volta che cliccherai a vuoto.

Nessun commento


Responsabile don Fabrizio Maniezzo

Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
App
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Rapid Privacy Policy
Torna ai contenuti