La paralitica sanata - Incontrare Dio

I Cercatori di Dio
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

I Cercatori di Dio
Lettura Cristiana
Informazioni
I Cercatori di Dio

I Cercatori di Dio


Lettura Cristiana
Traduzione - Traslation - Tradução
Traduzione - Traslation - Tradução - Traduction
Title
Vai ai contenuti
Menù
Blog
Come funziona
Informazioni
Registrazione
Informazioni
Lettura Cristiana
Lettura Cristiana
Informazioni
Menù
Registrazione

App
Menù
Lettura Cristiana
Informazioni
Registrazione

Importa
Down

 Commento Lc 13, 10-16  

La paralitica sanata

Guarigione
In quel tempo, Gesù stava insegnando in una sinagoga in giorno di sabato. C’era là una donna che uno spirito teneva inferma da diciotto anni; era curva e non riusciva in alcun modo a stare diritta.
Gesù la vide, la chiamò a sé e le disse: «Donna, sei liberata dalla tua malattia». Impose le mani su di lei e subito quella si raddrizzò e glorificava Dio.
Ma il capo della sinagoga, sdegnato perché Gesù aveva operato quella guarigione di sabato, prese la parola e disse alla folla: «Ci sono sei giorni in cui si deve lavorare; in quelli dunque venite a farvi guarire e non in giorno di sabato»
Il Signore gli replicò: «Ipocriti, non è forse vero che, di sabato, ciascuno di voi slega il suo bue o l’asino dalla mangiatoia, per condurlo ad abbeverarsi? E questa figlia di Abramo, che Satana ha tenuto prigioniera per ben diciotto anni, non doveva essere liberata da questo legame nel giorno di sabato?» (Lc 13,10-16)
Qualcuno potrebbe obiettare: «ma allora tutti i mali sono causati da Satana», a dir la verità è proprio così, dal peccato di origine che conduce alla morte, tutti i mali sono causati da lui (cfr. Sap 2,24 ss).
Questo brano è un dialogo di Gesù, non credere alle sue parole, è a nostro rischio e pericolo. Sembra lontano dalla realtà in cui siamo immersi, semplicemente perché la nostra fede vacilla. Riflettendo, sono rimasto sconcertato per quanto si applichi anche a tutti noi.
Ma veniamo alla situazione descritta dall’evangelista. Gesù guarisce in giorno di sabato la povera donna, e per i capi la guarigione è un lavoro. Assurdo. Se la guarigione, qualunque essa sia, è dono di Dio, perché Gesù non doveva realizzarla? Ciò che i capi non hanno compreso, o meglio non hanno voluto intendere, è che il bene si può fare sempre, soprattutto il giorno di sabato.
Essi hanno anteposto la loro interpretazione della legge alle disposizioni di Dio. Ancora oggi è così. Noi ecclesiastici, a volte, ci nascondiamo dietro alla “volontà di Dio” per promuovere le nostre convinzioni e, se qualcuno ci critica, o dimostra che stiamo sbagliando, arriviamo a dire che sono essi a non voler fare la volontà di Dio. A causa della nostra superbia ci riteniamo sempre nel giusto, non abbiamo alcuna volontà di correggerci.
Allora, che differenza c’è tra noi e i capi della sinagoga al tempo di Gesù? Nessuna.
INFORMAZIONE
Se non leggi bene la Parola di controllo puoi cambiarla cliccando su Invia , si cambierà ogni volta che cliccherai a vuoto.

Nessun commento


Responsabile don Fabrizio Maniezzo

Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
App
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Rapid Privacy Policy
Torna ai contenuti