Il "distacco" di Gesù da Maria - Incontrare Dio

I Cercatori di Dio
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

I Cercatori di Dio
Lettura Cristiana
Informazioni
I Cercatori di Dio

I Cercatori di Dio


Lettura Cristiana
Traduzione - Traslation - Tradução
Traduzione - Traslation - Tradução - Traduction
Title
Vai ai contenuti
Menù
Blog
Come funziona
Informazioni
Registrazione
Informazioni
Lettura Cristiana
Lettura Cristiana
Informazioni
Menù
Registrazione

App
Menù
Lettura Cristiana
Informazioni
Registrazione

Importa
Down
Video
Il "distacco" di Gesù da Maria
All’età di trent’anni Gesù lascia la casa di Nazareth e si avvia verso il Giordano.
Gesù si allontana senza grandi preparativi, se ne va e il dolore della separazione fisica per Maria è già un preludio del dolore ai piedi della croce. Maria comprende che per Gesù è terminato il periodo di formazione umana e che ha inizio la missione assegnata dal Padre. Suo Figlio, sempre obbediente al Padre, è diventato grande e deve agire in modo autonomo.
Nazareth
Maria si mette in disparte, non intralcia la sua missione, prontamente muta il suo servizio perché il compito di madre non finisce; ignora, però, che sta per acquisire una maggiore corresponsabilità. A lei, infatti, il Padre le affida un compito nuovo, quello di accompagnare le scelte di Gesù e stare presso di lui. Il mandato legato al suo «sì» non s’interrompe, assume la forma com’era all’origine, caratterizzata da attesa e preghiera.
Maria lo accompagnerà nella preghiera, nella contemplazione e, come sempre, metterà a sua disposizione questo frutto, per le sue necessità. In questo modo la missione del Figlio diventa anche la sua missione.
Sacra Famiglia
Lo stare con Gesù, non nasce dal desiderio ostinato di rimanere unita al Figlio, come avviene spesso alle madri, ma è in consonanza alla sua nuova missione.
 
Maria, contemplando la sua vita, chissà quante volte avrà sperimentato, come prova, la tristezza al pensiero delle future sofferenze di suo Figlio, anticipando così il dolore della sua passione. Infatti, Maria, non solo soffre in anticipo per la perdita lacerante di Gesù in quanto uomo, ma perché sa che egli è il Figlio di Dio e che i profeti hanno parlato di lui come l’uomo dei dolori (cfr. Is 53).
Nella sua pena, dimentica se stessa, sperimenta la solitudine e prega per l’opera di Redenzione, precorrendo i tempi: agisce in nome della Chiesa, prega come la Chiesa e offre tutto per la Chiesa.  
In questo modo Madre e Figlio si completano, sia nella contemplazione sia nell’azione. Fino a che Gesù viveva a Nazareth Maria aveva il cielo in casa, ora che se n’è andato, patisce un dolore grande, ma d’altro canto lei, per Grazia, racchiude anche in sé la straordinaria estensione del cielo procuratole dal Figlio che la priva dei limiti della sua natura umana, facendola partecipe sin d’ora alla contemplazione dell’eternità.
Maria per prima dimostra che tutto l’amore umano, quando è cristiano, riceve il suo completamento solo in Dio e che accompagnare il Figlio con la preghiera, fa nascere una reale vicinanza.
A questo punto Maria forse comprende che c’è un nesso tra la partenza di Gesù diretto al Giordano per essere ‘battezzato’ da Giovanni il Battista e la sua visita a Elisabetta. Il Signore, allora, si era servito della sua presenza, per comunicare la missione di precursore a Giovanni ora, invece, si serve di Giovanni per dare inizio alla vita pubblica e Gesù inizia a percorrere da uomo e pubblicamente quel cammino che aveva percorso segretamente con sua Madre.
Maria vive come lacerata tra cielo e terra. Il cielo si apre a lei nella contemplazione, ma la missione terrena per accompagnare suo Figlio è fatta di travagli patiti in segreto lei, però, continua la vita eucaristica iniziata agli albori con l’adesione a diventare la mamma di Gesù e che presto avrebbe coinvolto tutta la Chiesa.
INFORMAZIONE
Se non leggi bene la Parola di controllo puoi cambiarla cliccando su Invia , si cambierà ogni volta che cliccherai a vuoto.

Nessun commento


Responsabile don Fabrizio Maniezzo

Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
App
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Rapid Privacy Policy
Torna ai contenuti