10 - Paolo Flores d’Arcais - Incontrare Dio

I Cercatori di Dio
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

I Cercatori di Dio
Lettura Cristiana
Informazioni
I Cercatori di Dio

I Cercatori di Dio


Lettura Cristiana
Traduzione - Traslation - Tradução
Traduzione - Traslation - Tradução - Traduction
Title
Vai ai contenuti
Menù
Blog
Come funziona
Informazioni
Registrazione
Informazioni
Lettura Cristiana
Lettura Cristiana
Informazioni
Menù
Registrazione

App
Menù
Lettura Cristiana
Informazioni
Registrazione

Importa
Down
Autonomia degli Stati!
Ha detto che...
Ha detto
 
«Le convinzioni religiose devono restare al di fuori del dibattito politico perché condannano la discussione democratica a morire prima di cominciare […].
Solo se il Dio che il credente si è creato lo lascia libero di scindersi tra credente e cittadino, di prescindere da Lui nella sfera pubblica, la fede religiosa è compatibile con la democrazia. […]
Gli Stati democratici devono fondarsi sull’autonomia. […] O la sovranità di Dio o la sovranità dei cittadini, perciò una delle due deve essere proscritta dalla sfera pubblica».
La democrazia ha bisogno di Dio (Falso!), Laterza, Roma-Bari 2013, pp3-4
Flores D’Arcais
Risposta
Dal momento che per Flores d’Arcais, come per gli antichi sofisti, l’uomo è misura di tutte le cose, l’autonomia assoluta della coscienza individuale prevale su tutto e in tutto,  quindi anche su Dio..   Solo se Dio e la
fede religiosa restano fuori dalla porta dell’ambito sociale, allora la democrazia sarà autentica e veramente possibile.
Le sue opinioni ripropongono i luoghi comuni dell’ateismo militante e integralista: Dio è una invenzione del credente; la fede deve essere relegata a fatto privato; l’etica deve risultare pluralista e convenzionale; la Chiesa Cattolica non dovrebbe proprio “mettere bocca” sui temi morali.
Tutto ciò proprio come se i credenti e i cattolici non fossero cittadini come gli altri, come se non dovessero godere della stessa libertà di espressione e di pensiero garantita a tutti i non credenti: un modo decisamente ben strano di essere democratici.
cfr. Roberto Timossi in Avvenire, 2013
BREVE BIOGRAFIA
Flores d’Arcais, Paolo. - Filosofo e  pubblicista italiano (n. Cervignano del Friuli, Udine, 1944).
Laureato  in Filosofia (Università La Sapienza di Roma) e attivo in politica sin  dalla giovinezza, ha militato nel PCI per quattro anni (1963-67) prima  di essere protagonista del Sessantotto romano.
Negli anni ha appoggiato e  criticato la sinistra italiana, prendendo spesso posizione contro le  linee ufficiali di partiti e governi; già promotore dei “girotondi”  (2002, con N. Moretti e P. Ginsborg), in seguito ha animato il movimento  di protesta contro le restrizioni in materia di testamento biologico  volute dal governo di S. Berlusconi.
Direttore della rivista MicroMega  (dal 1986), è stato ricercatore di Filosofia morale all’Università La  Sapienza (sino al 2009) ed è autore di numerosi libri. Collabora con Il Fatto Quotidiano, Gazeta Wyborcza e El País.
INFORMAZIONE
Se non leggi bene la Parola di controllo puoi cambiarla cliccando su Invia , si cambierà ogni volta che cliccherai a vuoto.

Nessun commento


Responsabile don Fabrizio Maniezzo

Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
App
Responsabile don Fabrizio Maniezzo
Rapid Privacy Policy
Torna ai contenuti